22 APRILE 2016: 46° GIORNATA DELLA TERRA

  • On aprile 22, 2016

Si celebra oggi in tutto il mondo, l’Earth Day, “la più grande manifestazione ambientale del pianeta in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia”.

L’idea di creare una “Giornata per la Terra” fu discussa per la prima volta nel 1962 e prese definitivamente forma nel 1969 quando, a seguito del disastro ambientale causato dalla fuoriuscita di petrolio dal pozzo della Union Oil al largo delle coste di Santa Barbara, in California, il Senatore Nelson decise di portare le questioni ambientali all’attenzione del mondo politico e dell’opinione pubblica, ispirandosi al principio per cui “Tutte le persone, a prescindere dall’etnia, dal sesso, dal proprio reddito o provenienza geografica, hanno il diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile.”

Il 22 Aprile 1970, 20 milioni di cittadini americani manifestarono a difesa del pianeta e, da quel giorno, il 22 Aprile prese il nome di Earth Day.

Questa manifestazione coinvolge ogni anno, in ben 192 paesi del mondo, fino a un miliardo di persone a favore dell’affermazione della cultura green, dove le fonti rinnovabili sostituiscono i combustibili fossili ed ogni individuo deve essere responsabile di un consumo sostenibile.

Troverete di seguito alcuni suggerimenti che ImpresaUno vuole ricordarvi, piccole accortezze cui attenersi ogni giorno e che possono diventare il vostro stile di vita; sono infatti le piccole azioni quotidiane che possono contribuire alla grande causa della Giornata della Terra.

 

  • Il risparmio energetico, di cui fanno parte tutte le tecniche tese a ridurre i consumi di energia e che diminuiscono pertanto le emissioni di gas serra in atmosfera, contribuendo alla salvaguardia della Terra. Il risparmio energetico è il cuore della nostra filosofia aziendale ed è realizzabile non solo attraverso l’installazione di uno dei nostri prodotti. Si realizza anche quando si spengono gli apparecchi elettrici e non si lasciano in stand-by, quando si utilizzano lampadine o elettrodomestici a basso consumo e quando si spegne la luce artificiale in favore di quella naturale. Attraverso una razionalizzazione dei consumi, tutti possiamo contribuire in maniera sostanziale alla diminuzione del fabbisogno energetico.

 

  • La raccolta differenziata è uno dei contributi più intelligenti e di più facile attuazione che si può dare all’ambiente. L’attività svolta da ciascuno di noi è molto importante; separando i rifiuti e conferendoli in maniera corretta si recuperano materiali utili alla produzione di nuovi oggetti, non sprecando risorse naturali. Sono svariati gli accorgimenti per ridurre la quantità di rifiuti alla fonte, ad esempio dare preferenza ad imballaggi semplici e ridotti, preferire i formati famiglia a quelli monodose, scegliere merci fabbricate con materiali riciclati, evitare gli usa e getta privilegiando contenitori con vuoto a rendere. Per le famiglie che hanno un anche piccolo giardino, può essere utile dotarsi di una compostiera per produrre ottimo terriccio per fiori e piante, semplicemente riciclando gli scarti che normalmente si differenzierebbero nell’umido.

 

  • Il risparmio idrico è volto ad ottimizzare l’utilizzo dell’acqua. Sarebbe buona norma chiudere il rubinetto quando non serve impedendo che l’acqua scorra inutilmente, lasciarlo aperto quando ci si lavano i denti, ad esempio, significa gettare via più di 30 litri di acqua potabile. Utilizzare lavatrici e lavastoviglie a pieno carico, scegliendo programmi “economy” permette di risparmiare acqua ed energia. Vi consigliamo di preferire la doccia e di controllare che i rubinetti e la cassetta del water non abbiano perdite: una goccia che cade ogni 10 secondi spreca 250 litri di acqua in un anno.

 

Salvaguardare il nostro pianeta è oggi un tema molto caro anche alle aziende che si impegnano quotidianamente a mettere in atto progetti sempre più “green”, come Apple che nel 2015 ha prodotto da fonti rinnovabili il 93% del suo fabbisogno energetico e punta ad arrivare presto al 100%.

Seguici sulle nostre pagine Facebook e Twitter, scopri cosa noi facciamo per l’ambiente e segnalaci cosa farai tu!

0 Comments